Ed eccoci al bilancio quantitativo, quello squisitamente numerico dei film visti nel corso del 2021 (seguirà pagellone con il bilancio qualitativo).

In leggero calo il numero di film visti nell’anno: 394 rispetto ai 412 dell’anno scorso, che però, c’è da dire, costituivano il mio record personale di sempre.

Durante l’anno ho completato o iniziato diverse retrospettive fai da te (in alcuni casi dei ripassi), come si può vedere dalla lista dei registi qui sotto, in cui spiccano i 29 film di Vittorio De Sica, i 14 di Marco Ferreri e i 13 di Theo Angelopoulos.

Il viaggio nel cinema italiano che ho intrapreso (e che continuerò nel 2022) si riflette invece sulla sotto riportata lista degli interpreti più presenti, dove a fare i padroni di casa sono Sophia Loren e – anche qui – Vittorio De Sica.

Quanto alle modalità di fruizione, ho visto soltanto 18 film in sala (esclusi però i festival). Che è poco, me ne rendo conto, speriamo siano molti di più nel 2022.

Importante invece il dato delle visioni festivaliere, che comprendono sia i festival fisici (in realtà soltanto il Torino Film Festival) che quelli online: ben 70 visioni arrivano da lì, di cui
– 18 dal Trieste Film Festival
– 11 dal Biografilm
– 10 dal Luoghi dell’anima Film Festival
– 10 dal Torino Film Festival
– 9 dal Noir in Festival
– 7 dal Porretta Cinema.

Il testa a testa tra le piattaforme di streaming lo vince anche quest’anno Netflix, ma stavolta con un solo film di vantaggio (su Prime Video). A seguire: RaiPlay, I WonderFull, CineUbu, Mubi, Apple, Chili.

Infine, le visioni raggruppate per le principali macro-categorie:
– 105 film distribuiti nel 2021
– 77 recuperi del 2020
– 82 film della mia retrospettiva fai da te “Storia del cinema italiano”.